Riparte l’Acoustic Live Tour di Gianluca Grignani

Gianluca Grignani Ph. S. Di Maio
L’11 marzo prossimo, a Zurigo, verrà inaugurato il Live Acoustic Tour 2017 di Gianluca Grignani. La prima tappa, infatti, avrà luogo in Svizzera, presso il Volkshaus (Stauffacherstrasse 60), in occasione della presentazione della compilation 2016 di Sorrisi e Canzoni, manifestazione dedicata a musica e intrattenimento.

Durante la serata il cantautore milanese avrà modo di suonare dal vivo –attraverso un unplugged semiacustico – i brani che compongono Una strada in mezzo al cielo, vale a dire l’album (nonché l’omonimo brano inedito) con il quale vengono omaggiati i suoi 20 anni di carriera proprio a partire dai dischi d’esordio Destinazione Paradiso e La fabbrica di plastica (il primo vedette oltre 2 milioni di copie già durante il primo anno e il secondo fu eletto dai lettori di “Rolling Stone” come la canzone che meglio rappresenta il rock italiano).

Si tratta di una carrellata di brani evergreen che sono stati reinterpretati e riarrangiati anche in duetto con alcune delle voci più amate del panorama musicale italiano: Elisa, Carmen Consoli, Luciano Ligabue, Annalisa, Briga, Luca Carboni, Fabrizio Moro, Max Pezzali e Federico Zampaglione.

Come già accaduto in occasione di altre esibizioni di Gianluca Grignani, parte del ricavato sarà devoluto in beneficenza. L’artista non è nuovo a gesti filantropici di questo genere. L’impegno di Grignani nel sociale, infatti, è noto da anni. Una sensibilità rara la sua che lo ha portato a comporre testi ispirati alla realtà circostante, frutto dell’osservazione del suo tempo e della società in cui egli vive – si pensi a Sogni infranti, brano che a partire da una riflessione sull’alluvione che colpì Genova nel 2014 descrive mirabilmente un’Italia forte e provata –, ma che esorta il cantautore a compiere anche altre azioni concrete. Ad esempio, questi, oltre ad aver preso parte all’iniziativa degli Artisti uniti per l’Abruzzo in Domani, nel 2009 si è anche recato tra le macerie de L’Aquila e nel 2011 ha devoluto l’intero incasso di un concerto tenuto a Bassano del Grappa alla Fondazione “Città della Speranza” in favore dell’Istituto di Ricerca Pediatrica di Padova. Queste sono solo alcune delle iniziative benefiche cui è legata la carriera di Gianluca Grignani, artista –ma soprattutto uomo – al quale sono state sempre care la causa ambientalista, quella pacifista e la difesa dei diritti umani.

Questa volta, sabato prossimo, 5 franchi svizzeri del prezzo di ogni biglietto venduto a Zurigo saranno destinati alla “Fondazione Doppia Difesa”, onlus per la lotta contro la violenza su donne e bambini (è possibile acquistare i biglietti per questo evento su Ticketino).

Locandina Gianluca Grignani Zurigo 2017

Reduce dal successo del tour 2016, concluso con i due megaconcerti sold-out di Milano e Roma, Grignani opta nuovamente per la formula semiacustica che gli permette di creare un’atmosfera intima ed empatica col suo pubblico. Non è un caso se anche Oltralpe, oltre che sulla platea svizzera, Grignani potrà contare anche sul calore di coloro che in questi giorni muoveranno appositamente da varie parti d’Italia per inaugurare con lui questa nuova stagione musicale, tale è l’affetto che lega profondamente i fan e l’artista milanese.

Il tour 2017 attualmente prevede le seguenti tappe e i biglietti sono già disponibili su TicketOne:

Grosseto (24 marzo, Teatro Moderno), Roma (14 aprile, Auditorium Parco della Musica – Sala Petrassi), Avezzano – AQ (22 aprile, Teatro dei Marsi), Milano (27 aprile, Teatro Nuovo), Senigallia – AN (29 aprile, Teatro La Fenice), Venaria Reale – TO (03 maggio, Teatro della Concordia), Novara (04 maggio, Teatro Coccia), Lecce (06 maggio, Teatro Politeama Greco) e Varese (19 maggio, Teatro OpenJobMetis – Teatro Mario Apollonio di Varese). Inoltre, il tour farà tappa a Napoli, ma la data ancora non è stata stabilita.

Insomma, ci sono tutti gli ingredienti per godere appieno di una primavera carica di emozioni con la musica, l’energia e l’anima di Gianluca Grignani. Lo spettacolo continua!

«Hey Mister! Sei triste?».

Annalisa Castronovo

Annunci

«Vivere, non serve se vivere vuol dire vivere ad occhi chiusi».

Vivere, non serve se vivere vuol dire vivere ad occhi chiusi.
Hai paura…?
Hai paura…?
E allora accontentati…
Ti hanno cresciuto in periferia con mezzo padre e una madre che faceva quel che poteva.
Ecco come ti sei svegliato hai dovuto imparare per forza da solo anche se non ne sei capace impari ad ogni costo, non ti è concesso perderti d’animo.
Se coltivi i tuoi dubbi diventeranno rivoluzione, e ricorda questo farà sempre paura, l’uomo è un fatto di chimica.
Ma quello che esce dalla mia razionalità e’ quel qualcosa in più, quello che mi fa vedere lei più bella di tutto il resto.
E allora…?
E allora…?
Prova quello che ho provato io , e poi incontriamoci voglio vedere se è vero come credo che sono l’unica strada in mezzo al cielo, capace di parlare pensare e scrivere.
Sono stufo di sentirmi un passo indietro e stufo di sentirmi un passo avanti, sono stufo, non so come reagirò non lo so più davvero.
Non mi basta più…
Ma dimmi come fai a credere se tieni sempre gli  occhi chiusi.
G.

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=10154193717507442&substory_index=0&id=41342157441

Dal comunicato ufficiale: il primo singolo è “Una donna così”!

IMG_20160323_122755

Cari lettori di “Grignani Webzine”,

oggi è stato pubblicato il comunicato ufficiale riguardo all’uscita del primo singolo che inaugura il nuovo album di Gianluca Grignani.

Il suddetto singolo non sarà un inedito, bensì una nuova versione di Una donna così (dall’album di esordio Destinazione Paradiso).

Quel che è certo, inoltre, è che il disco – un unplugged semiacustico – uscirà il 6 maggio 2016, mentre per il singolo basterà attendere il 1° aprile.

IMG_20160323_134051

La Redazione di “Grignani Webzine” Vi porge le proprie più sentite scuse relativamente ad alcune informazioni, presenti all’interno del precedente post sull’argomento, che purtroppo non si sono rivelate veritiere. Speriamo che cose di questo genere non si verifichino mai più; cercheremo di evitarlo in ogni modo sia per rispetto di Voi lettori che per nostra etica.

Grazie!